GIORGIA GIACOMETTI torna con “POVERO RE”

8 Mar, 2024

In occasione della Festa della Donna, Giorgia Giacometti, la nuova stella della musica italiana, torna in radio e nei digital store con “Povero Re”, un inno all’empowerment femminile che sfida coraggiosamente gli stereotipi e i cliché, sovvertendo le convenzioni di un mondo dominato da limiti e aspettative e proponendo una nuova visione di forza e indipendenza per tutte le donne.

Con una carriera che attraversa i confini internazionali, da Miami a Singapore, Giorgia Giacometti si è distinta non solo come cantante e cantautrice di talento, ma anche come manager finanziaria, navigando con competenza, audacia e determinazione in un gaming tradizionalmente maschile. La sua storia è quella di tante donne, infusa da una costante lotta contro etichette e pregiudizi, in cui ha saputo farsi strada portando in alto il suo valore, affermandosi quotidianamente attraverso la sua tenacia e il suo carisma, diventando un modello ispiratore.

Prodotto dal tocco impeccabile del visionario Jason Rooney, con la collaborazione di Giuseppe D’Albenzio e Romina Falconi, “Povero Re” si corrobora di una narrazione di potere e seduzione, dove la figura femminile, lontana dall’essere vittima, assume un ruolo di forza e controllo, rovesciando le consuete dinamiche di potere di un immaginario ancora troppo maschile e patriarcale. Nella fusione magistrale di sonorità elettropop a sfumature rock, il brano è avvolto da un’atmosfera tanto provocatoria quanto seducente, in cui la voce di Giorgia, carica di energia punk, guida gli ascoltatori in un viaggio di ribellione contro le aspettative sociali, proponendo un nuovo modello di femminilità, forte e indipendente.

Il testo del brano, pungente e ricco di provocazioni, è un cammino attraverso la liberazione dalla figura dell’uomo manipolatore, rappresentato come un re deprivato del suo potere di fronte alla donna che, con intelligenza ed erotismo, sa leggere oltre le apparenze e dominare il gioco. I passaggi chiave «Povero te, tutto pieno di sé, le fai piangere tutte quante e poi piangi per me» e «Povero Re, dopo di me non resterà più niente di te», sottolineano l’ironia di un destino capovolto, dove il manipolatore diventa vittima della propria vanità.

Le liriche incisive e sature di energia, dipingono il quadro di una donna che non solo rompe le catene della sottomissione e della prevaricazione, ma assume il comando, con un mix di eleganza, fascino, seduzione ed erotismo che dietro la coltre dell’apparire, dietro le luci rosse soffuse di maschere indossate per piacere agli altri e a se stessi, rivela l’intelligenza e l’astuzia di una stratega che non teme di mostrare la propria essenza e la propria forza. Queste lyrics non sono solo parole in musica, ma l’espressione di una rivoluzione personale e collettiva, che scuote le fondamenta di un sistema obsoleto, invitando le donne a prendere in mano le redini della propria vita.

 

Il videoclip ufficiale che accompagna il singolo, diretto dalla stessa Giacometti in collaborazione con Claudio Zagarini e Valeria Ungaro e disponibile su YouTube dal 15 Marzo – con il “Povero Re” rappresentato dal modello e attore fiorentino Riccardo Stellini -, è una rappresentazione visiva dell’empowerment che trascende il testo per diventare un’esperienza sensoriale, una metafora del sottile ma potentissimo equilibrio tra ingegno e sensualità, dove la battaglia per la conquista si conclude con un’inversione di ruoli definitiva. La seduzione di una partita a poker evoca e trasla perfettamente il gioco mentale tra i generi, in cui la posta è molto più alta del semplice erotismo: è il riconoscimento dell’uguaglianza e del reciproco rispetto.