Rino Mazzanti – FANGO ROSSO EDIZIONI HAIKU

16 Gen, 2021

Rino Mazzanti – FANGO ROSSO

EDIZIONI HAIKU

La trama. Lou Caswan ha sempre ignorato, evitato, rimosso, anche combattuto il suo passato. Questo però non gli ha impedito di riemergere, inaspettato, violento e inarrestabile, colpendo duro e presentandogli il conto. Non importa quanto siano grandi i tronchi che sono in superficie, perché sono le radici a lottare contro il vento. E le radici di Lou sono tutt’altro che molli, affondano nell’epopea dei pirati dei Caraibi, intrecciate alla storia di un misterioso manufatto capace, con la sua sola esistenza, di rivoluzionare ogni nostra certezza sulla natura umana. Decisamente un passato difficile da ignorare.

 

Il libro. Rino Mazzanti introduce con Fango Rosso il tema della “rinascita”. Rinascita del protagonista Lou e del suo contesto. Pittsburgh è l’ambientazione scelta: una città rinata dal suo osmotico rapporto tra industria e natura, dove del primo rimane solo l’azione e del secondo la visione. La rinascita è possibile solo se ci si pone un obiettivo: per rinascere, bisogna “ri- uscire”. Fango Rosso è un’opera dall’impalcatura cinematografica, di dialoghi sferzanti e di scene d’azione, di narratori che si scambiano la voce e la parola, in cui temi quali la solitudine, il cambiamento, il riscatto e la perdita si rincorrono. Seguendo le chiavi di un misterioso rapimento, l’autore ci catapulta in un passato lontano, ancestrale, costellato di antiche civiltà che hanno colonizzato il pianeta con l’aiuto di un manufatto magico. È un grande libro di pietra passato di mano, tra il ‘700 all’800, dai pirati dei Caraibi ai soldati della guerra di secessione (tutti antenati di Lou) che lo chiamavano Big Coin.